Le Terre di Lorenzo
Skip

Magazzini FIAT (Sicilia)

Lo stabilimento di Termini Imerese, aperto nel 1970, è stato uno stabilimento per la produzione di autoveicoli dei marchi FIAT e Lancia. Fu dismesso dalla FIAT Spa nel 2011 e ora è proprietà della Blutec, anche se, dal 2019, anche questi sembrano aver problemi con i termini di proprietà dell’area. Purtroppo e ormai da anni alcuni magazzini sono in uno stato di degrado tale da lasciare a vista solo la struttura dell’edificio.

 

Dopo un breve viaggio in macchina sono arrivato a Termini Imerese. Mi è stata segnalata la presenza di magazzini abbandonati adiacenti alla ferrovia e subito mi sono precipitato nella zona industriale della città. Tra tutti questi capannoni quelli che mi incuriosivano di più erano gli ex magazzini della FIAT. La strada era dissestata, quindi ho deciso di lasciare la macchina a poca distanza dal luogo da indagare. Gli edifici in questione certamente non potevano mostrare segreti in bella vista, dato che rimanevano solo gli “scheletri” delle strutture. Sono entrato in ognuno di essi. Sembravano pressapoco uguali. I capannoni erano abbandonati da una decina di anni, ma alcune parti del pavimento sembravano più recenti. Ho tentato così di scalfirle, ma sembravano fatte di solide lastre di metallo. Non erano fissate al pavimento, quindi le ho spostate, ma erano terribilmente pesanti e ho esaurito quasi tutte le mie forze per riuscire alla fine a sollevarne una soltanto ! Una volta scostata, ho notato uno scorcio di luce rossastra. Con un pezzo di una trave trovata lì vicino, ho fatto leva e ho spostato ulteriormente quella lastra di metallo…pensavo che quella fosse stata la parte più faticosa della giornata ma, come dico sempre, aspetta a parlare !

Sotto quel pezzo di metallo si trovava una piccola stanza, con i muri in pietra di una colorazione simile a quella dell’Inferno. Quella camera sembrava quasi come un santuario, dove i demoni avrebbero potuto ritrovarsi per preparare un attacco. Esaminando la stanza ho trovato una sorta di pietra focaia, oggetto spesso utilizzato dai demoni per creare del fuoco da usare per potenziarsi o semplicemente come arma. Mentre mi stavo apprestando a uscire di lì, ho visto due uomini che stavano richiudendo l’ingresso della stanza con la lastra che io avevo tolto e sembravano fin troppo felici. Certo, non potevo esserne sicuro, ma era giorno e non avevo fatto alcuna azione che mi avrebbe potuto mostrare la loro vera forma, ma penso che solo due demoni possano chiudere una persona in una stanza sotterranea come quella. Ho tastato le pareti della camera alla ricerca di una qualsiasi via d’uscita perché, vi assicuro, non ci pensavo proprio di spostare di nuovo quella lastra di metallo, nossignore! Dopo pochi secondi, ho trovato una parte debole nel muro di pietra e ho iniziato a percuoterla con l’elsa della mia spada. Ho aperto così un varco abbastanza grande da poter uscire e ho visto i due uomini in lontananza. Non posso essere sicuro “dell’umanità” di quelle due persone, ma non posso certo inseguirli in città con la mia macchina in pieno giorno. Per questo vi chiedo un gran favore: se vedete due uomini particolarmente sospetti nei dintorni di questa città, non fate loro del male, ma avvisatemi subito e io arriverò come un fulmine in ogni momento (festivi esclusi).

Post your comment

Facebook Twitter WhatsApp